Il 7 febbraio 2009, mentre eravate tutti impegnati a riflettere sul mio articolo relativo a Snoopy del giorno prima, è iniziato un evento molto importante. Il torneo europeo di rugby delle 6 nazioni.

Storicamente il torneo comprendeva esclusivamenrte: Inghilterra, Galles, Scozia, Irlanda e si chiamava 4 nazioni. Successivamente, nel 1910 è stata compresa anche la Francia ed il nome è diventato 5 nazioni. In fine l’ingresso dell’Italia nel 2000 ha portato al nome attuale: 6 nazioni.

Ho deciso di parlarvi di rugby, perchè credo che sia uno sport non abbastanza conosciuto e apprezzato nel nostro paese. Qualche anno fa proprio guardando una delle partite del 6 nazioni in tv, ho iniziato ad entrare lentamente nel mondo della palla ovale, rimanendo affascinato dai principi di lealtà, correttezza, coraggio e spirito di sacrificio che lo caratterizzano.

Per questo motivo, ho deciso di coinvolgere tutti voi nell’amore che mi unisce a qesto sport, quindi vi consiglio di leggere su wikipedia la voce relativa al rugby e di seguire in tv le partite del 6 nazioni.

Per facilitarvi il secondo “compito” che vi ho assegnato, ho pensato di matenervi aggiornati sui risultati e la classifica di questa edizione del 6 nazioni, e di raccontarvi qualcosa sulle squadre partecipanti.

Risultati del 7/8 febbraio 2009:

  • Inghilterra – Italia: 36 – 11
  • Irlanda – Francia: 30 – 21
  • Scozia – Galles: 13 – 26

Risultati del 14/15 febbraio 2009:

  • Francia – Scozia: 22 – 13
  • Galles – Inghilterra: 23 – 15
  • Italia – Irlanda: 9 – 38

Classifica dopo 2 giornate:

  1. Irlanda, Galles 4pt.
  2. Inghilterra, Francia 2pt.
  3. Scozia, Italia 0pt.

La squadra di cui vi voglio parlare questa settimana è la nazionale inglese, ovviamente si tratta di una delle rappresentative nazionali più prestigiose (il rugby è nato come attività sportiva di alcuni college inglesi alla fine del 1800), ma non della più forte in assoluto, (tale palma se la contendono le squadre dell’emisfero australe: Nuova Zelanda, Australia e Sud Africa.)

Nel palmares di questa nazionale troviamo 35 trofei delle 6 nazioni (ovviamente alcuni di questi sono stati aggiudicati quando il nome del trofeto era ancora 4 nazioni oppure 5 nazioni) e la vittoria di un campionato modiale nel 2003 (unica squadra dell’emisfero boreale ad essersi aggiudicata questo importantissimo trofeo).

Uno dei momenti più emozionanti di una partita di rugby fra nazionali è sicuramente quello dedicato agli inni nazionali, infatti a differenza di quanto avviene nel calcio, tutti i giocatori cantano a squarciagola rimanendo abbracciati, qualcuno stringe con forza lo stemma posizionato nella maglia all’altezza del cuore.

Trovo molto poetico l’atteggiamento di questi colossi che si emozionano cosi’ tanto, a volte ai limiti delle lacrime per l’onore di difendere i colori del proprio paese.

Per questo motivo, nel video di questa settimana propongo l’inno inglese (God Save the Queen) suonato prima di un incontro con l’Irlanda:

God Save our gracious Queen!
Long lives our noble Queen,
God save the Queen!
Send her victorious, happy and glorious,
long to reign over us,
God save the Queen!
O Lord, our God, arise,
scatter her enemies,
and make them fall.
Confound their politics,
frustrate their knavish tricks,
on thee our hopes we fix,
God save us all.
Thy choicest gifts in store
on her be pleased to pour,
long may she reign!
May she defend our laws,
and ever give us cause
to sing with heart and voice,
God save the Queen!

Detto questo, vi invito ad appassionarvi al rugby ed a seguire gli incontri di questa sera e domani del 6 nazioni.

Ciao a tutti Roberto.