Ve l’ho raccontato la settimana scorsa, l’Irlanda ha vinto il 6 nazioni e la classifica finale ovviamente non è cambiata:

  1. Irlanda: 10 pt
  2. Francia, Galles, Inghilterra: 6 pt
  3. Scozia: 2 pt
  4. Italia: 0 pt

Ma non è ancora giunto il momento di accomiatarci dal 6 nazioni. Di solito quando si presentano molti ospiti, arrivati all’ultimo si utilizza una frase di rito: “ultimo ma non ultimo” (last but not least) mentre, nel nostro caso, l’ultima nazionale di cui vi parlo va lasciata per ultima proprio perchè ultima, e si tratta ovviamente della nazionale italiana.

Parlare dei trofei conquistati dalla nostra rappresentativa è un po imbarazzante: 0 6nazioni, 0 campionati mondiali, 1 campionato europeo nel 1997. C’è comunque da dire che l’Italia partecipa al 6 nazioni da soli 9 anni, inoltre vi ho già spiegato che l’unica squadra del nostro emisfero ad essersi aggiudicata il mondiale è l’Inghilterra.

Ma al di là dei titoli vinti nel corso della storia, penso che il bilancio di quest’edizione del 6 nazioni sia abbastanza negativo: nessuna partita vinta, un gioco “rinunciatario” ed ingenuo, l’imbarazzante 8-50 subito contro la Francia nell’ultima sfida della settimana scorsa.
Il tutto dopo le ultime due edizioni: quella del 2007, quando gli azzurri guidati dall’allenatore francese Pierre Berbizier sono riusciti ad aggiudicarsi ben 2 incontri (contro Scozia e Galles), e quella del 2008 quando guidati dal nuovo allenatore sudafricano Nick Mallet pur iniziando con un po di incertezza, hanno conquistato una vittoria contro la Scozia, con gli ultimi 3 punti decisivi realizzati in drop allo scadere del match dal giovane Andrea Marcato.

Ma nonostante i cattivi risultati, non me la sento di biasimare i ragazzi della squadra, che secondo me ce l’hanno sempre messa tutta, anche prima di ogni partita durante l’inno nazionale: Fratelli d’Italia


Fratelli d’Italia,
l’Italia s’è desta;
dell’elmo di Scipio
s’è cinta la testa.
Dov’è la Vittoria?
Le porga la chioma;
ché schiava di Roma
Iddio la creò.

Stringiamci a coorte!
Siam pronti alla morte;
Italia chiamò.

Noi siamo da secoli
calpesti, derisi,
perché non siam popolo,
perché siam divisi.
Raccolgaci un’unica
bandiera, una speme:
di fonderci insieme
già l’ora suonò.

Stringiamci a coorte!
Siam pronti alla morte;
Italia chiamò.

Uniamoci, amiamoci;
l’unione e l’amore
rivelano ai popoli
le vie del Signore.
Giuriamo far libero
il suolo natio:
uniti, per Dio,
chi vincer ci può?
Stringiamci a coorte!
Siam pronti alla morte;
Italia chiamò.

Dall’Alpe a Sicilia,
dovunque è Legnano;
ogn’uom di Ferruccio
ha il core e la mano;
i bimbi d’Italia
si chiaman Balilla;
il suon d’ogni squilla
i Vespri suonò.

Stringiamci a coorte!
Siam pronti alla morte;
Italia chiamò.

Son giunchi che piegano
le spade vendute;
già l’aquila d’Austria
le penne ha perdute.

Il sangue d’Italia
e il sangue Polacco
bevé col Cosacco, ma il cor le bruciò.

Stringiamci a coorte!
Siam pronti alla morte;

l’Italia chiamò.

L’intensità con la quale i nostri “gladiatori” in azzurro vivono l’inno naziona è davvero notevole, soprattutto se si pensa che moltissimi sono “naturalizzati” e nativi di altri paesi come l’Argentina o l’Australia.

A questo punto si conclude la mia breve “incursione” nel mondo del rugby e del 6 nazioni in particolare. Non credo di essere riuscito a contagiarvi con il mio amore per questo sport e per il torneo in particolare (gli articoli di questa  serie sono stati fra i meno commentati). Ma forse è meglio così visto che quella del 2009 è stata l’ultima edizione del 6 nazioni trasmessa in chiaro dall’emittente la7, mentre dal prossimo anno le partite del torneo (così come quelle del campionato italiano ed i mondiali del 2007) saranno trasmesse dalla pay-tv SKY.

Come ultima cosa, volevo spiegarvi il significato del titolo che ha contraddistinto gli articoli di queste 6 settimane: “six, six, sei”, si tratta semplicemente del numero 6  scritto nelle 3 lingue delle6  nazioni coinvolte nel torneo: inglese, francese ed italiano. Ho deciso di spiegarlo per tranquillizzarvi visto che Antonio chiaccherando mi aveva detto che pensava esserci un significato “satanista” (666)    😀 .

Ciao a tutti

Roberto

Annunci