Ho esitato fino all’ultimo per decidere se pubblicare o meno questo articolo, infatti il cartone che vi propongo ….

… NON MI PIACE! ma si adeguava molto al tema sportivo ed inoltre è stato molto amato e seguito nel tempo, tanto da entare d diritto in questa mia estenuante minirassegna sui cartoni (non saprete mai quante puntate mancano alla fine di questo ciclo di “made in japan”).

Ma basta con le chiacchere. Il cartone di questa settimana è Holly e Benji (Captain Tsubasa nella versione originale)

Il cartone narra le vicende sportive di due ragazzini giapponesi appassionati di calcio, i quali partendo dai campionati studenteschi delle scuole elementari, riescono a vincere tutti i i trofei a disposizione, fino ad arrivare (una volta cresciuti) ad indossare la prestigiosa (?) casacca della nazionale under 16  giapponese e vincere ill mondiale.

Dei due Oliver Hutton, Holly per gli amici (Tsubasa Ozora nella versione originale) e’ un attaccante, mentre Benji Price (Genzo Wakabayashi nella versione originale) è un portiere.

La storia ricorda un po quella di Mimi’ e la nazionale di pallavolo: inizio nei tornei scolastici, grande gavetta, allenamenti estenuanti, determinazione, forza di volonta’, lealta’, arrivo ai massimi vertici dello sport nazionale.

Quindi vi chiederete perchè mi piaceva Mimì e non Holly e Benji, innanzitutto perchè i pantaloncini le stavano meglio 😉 e poi perchè a parte qualche pallone che si trasformava in ciambella, c’erano un po meno caz***e che in Holly e Benji, caz***e esposte in maniera molto “artistica” dai soliti Gem boy:

Ma soprattutto non ho mai sopportato questo cartone perchè ai tempi delle elementari lo guardavano tutti i miei compagni che se la tiravano perchè giocavano a calcio e mi facevano venire i nervi (tenete presente che io nel calcio sono negato, alle partitelle in oratorio finivo sempre in porta per non “far danni”).

Passiamo alla sigla:

cantata da Paolo Picutti, che nei titoli di coda veniva citato semplicemente come: Paolo. Si tratta di un brano abbastanza bello cantato dalla voce ancora bianca di Paolo, con un “piacevole tormentone” nel ritornello: “… Holly si allena tirando i rigori, Benji si allena parando i rigori …”. Direi che la sigla è l’unica cosa che mi risulta accettabile di tutto il cartone.

Adesso vi lascio, vado a fare qualche giro di campo sul terreno di gioco di Holly e Benji, se domani non mi vedete tornare, venite a cercarmi !

ciao a tutti.

Roberto

Annunci