In questo periodo tutti siete proiettati mentalente verso le vacanze (siete in vacanza, siete appena tornati oppure ci andrete presto), quindi e’ il momento giusto per tirare fuori il fatidico libricino con i compiti per le vacanze.

La materia di studio odierna è: la storia, infatti oggi inizio a parlarvi di cartoni animati del “filone storico”. Il cartone della settimana è ambientato nel periodo che precede la rivoluzione francese si tratta di Lady Oscar.

Cosa dire di questo cartone? innanzitutto non sono fuori tema, perchè pur essendo ambientato in Francia (amatissima da Antonio 😉 ) si tratta di una produzione con gli “occhi a mandorla” della società: Tokyo Movie Shinsha.

La trama narra le vicende di Oscar Francois de Jarjayes, figlia di un militare che deluso per non essere riuscito ad avere figli maschi, decide di allevarla come fosse un maschio affincandole un coetaneo popolano: Andrè Grandier. Crescendo la nostra Oscar decide di assecondare il padre arruolandosi nell’esercito .

Le vicende la portano a far parte della guardia reale a difesa dei sovrani di Francia Luigi XVI e Maria Antonietta. Con il passare del tempo Oscar e la regina consorte diventano molto amiche e addirittura si innamorano dello stesso uomo, il conte svedese Hans Axel von Fersen. Per sfuggire a questa passione proibita Oscar decide di lasciare la guardia reale ed entrare nella guardia nazionale, dove ritrova l’amico d’infanzia Andrè che le confessa di averla sempre amata, i due si abbandonano alla passione e muoiono dopo pochi giorni nel corso dei combattimenti della presa della Bastiglia.

Ho sempre trovato molto affascinante questo cartone, innanzitutto per l’originalità del tema della donna soldato, poi perchè la realtà viene mostrata dal punto di vista della classe nobiliare e non da quello del popolo (punto di vista “scomodo” perchè nelle vicende della rivoluzione francese i nobili giocavano il ruolo dei “cattivi”), ed in fine per un leggero velo di “erotismo” che sembra ricoprire le vicende della vita di Oscar.

Ma passiamo alla sigla:

Cantata dai Cavalieri del Re, la melodia si adatta perfettamente alle suggestioni del cartone, ascoltandola con gli occhi chiusi mi sembra di ritrovarmi nella reggia di Versaille durante un ballo di corte.

Adesso vi devo lasciare, mi hanno chiamato per aiutare a sedare dei disordini alla Bastiglia, non ci dovrei mettere molto….

ciao a tutti

Roberto

Annunci