Di recente, parlando con una collega conosciuta come “La Rossa”, per il colore finto che anni fa avevano i suoi capelli, mi è scappato un commento scatologico sulla sua cover di Antonacci di “Tra e te il mare”.

Il signor Biagio, descritto dalla Rossa come un mago dei movimenti del bacino durante i suoi concerti (!), ha pensato bene di prendere una canzone ha fatto conoscere le ottime qualità canore di Laura e di trasformarla in una nuova versione della nota opera di Piero Manzoni, con risultati buoni giusto per riempire la nota scatoletta.

Il processo è piuttosto semplice.

Si prende la canzone originale:

Laura Pausini – “Tra e te il mare”

Si scomodano dei Giganti della musica internazionale copiando un loro noto riff di chitarra:

Rolling Stones – “Start me up”

e si mescola il tutto in modo vigoroso, ottenendo:

E, aggravante, la versione originale cantata dalla Pausini è, musica e testo, opera di Antonacci!

A questo punto sono curioso di sapere se  Simone Cristicchi è ancora convinto del suo tormentone:

“Vorrei cantare come Biagio”

Al prossimo venerdì.