Sembra incredibile che, ai nostri giorni, alcune cose vadano perse.

Non mi riferisco alle monetine che ci cadono di tasca, ma a pezzi di musica, video, interi canali televisivi.

All’inizio di quest’anno ho scritto un post, sul grande Fabrizio De André, svolgendo un resoconto della bella trasmissione dedicatagli da Fabio Fazio.

La serata si apriva con dei brani dell’album “Le nuvole” 1990, e proprio di quel disco il video di “Megu Megun”, è praticamente sparito senza lasciare tracce.

Il video, del 1990,  vedeva il regista Gabriele Salvatores, dirigere un non molto conosciuto Claudio Bisio nella parte dell’ipocondriaco di cui parla la canzone. Nel 1991, Salvatores e Bisio giravano assieme Mediterraneo, oscar 1992 per il miglio film straniero. Praticamente il video è un “preludio” al film.

Inoltre in alcune sequenze appare De André intento a giocare a domino con un’altra persona: è il secondo video in cui appare. L’altro è “La domenica delle salme” sempre l’album “Le nuvole” sempre Salvatores alla regia.

In un tempo brevissimo, meno di 20 anni, siamo riusciti a perdere le tracce di un piccolo gioiello!

Almeno così pareva.

Da poche settimane, su youtube è apparso il video integrale. Proprio quello che io davo perduto per sempre, visto che faceva parte dell’archivio di VideoMusic; storica televisione italiana di sola musica il cui archivio fu distrutto dopo la sua chiusura.

Questa piccola riscoperta, il video al momento in cui scrivo ha solo 170 visite (di cui almeno 20 sono mie)

La canzone è scritta in dialetto genovese ed è l’invettiva di un ipocondriaco verso il suo medico (il titolo lo si può tradurre in “medico medicone”).

Riporto il testo della canzone. Le parti in corsivo sono in italiano

E mi e mi e mi
anà anà
e a l’aia sciurtì
a suà suà
e ou coèu ou coèu ou coèu
da rebellà
fin a piggià piggià
ou trèn ou trèn.

E io e io e io
andare andare
e uscire all’aria
sudare sudare
e il cuore il cuore il cuore
da trascinare
fino a prendere a prendere
il treno il treno.

E ‘nta galleria
gentè ‘a l’intra au scùu
sciòrte amarutia
loèugu de ‘n spesià
e ‘ntu strèitu t’aguèitan
te dumàndan chi t’è
a sustànsa e ou mestè
che pe’ liatri ou viaggià ou nu l’è
poi te tùcca ‘n purtè lepegùsu
e ‘na stànsia lùvega
e ‘nte l’àtra stànsia
è bagàsce a dà ou menù
e ti cu’na quàe che nu ti voèu
a tià a bibbia ‘nta miàgia
serrà a ciàve ànche ou barcùn
e arensenite sùrvia ou coèu.

E nella galleria
la gente entra al buio
esce ammalata
cesso d’un farmacista
e nello stretto ti guardano
ti domandano chi sei
il patrimonio e il mestiere
che per loro il viaggiare non lo è
poi ti tocca un portiere viscido
e una stanza umida
e nell’altra stanza
le bagasce a dare il menù
e tu con una voglia che non vuoi
a tirare la Bibbia nel muro
chiudere a chiave anche la finestra
e a ciambellarti sopra il cuore.

Uh mègu mègu mègu mè megùn
Uh chin-a chin-a zù da ou caregùn.

Uh medico medico medico mio medicone
Uh vieni vieni giù dal seggiolone.

‘Na carèga dùa
nèsciu de ‘ n turtà
‘na fainà ch’a sùa
e a ghe manca’a sa
tùtti sùssa rèsca
da ou xàtta in zù
se ti gii ‘a tèsta
ti te vèddi ou cù
e a stà foèa gh’è ou repentin
ch’a te tùcche ‘na pasciùn
pe ‘na faccia da madònna
ch’a te sposta ou ghirindùn
ùn amù mai in esclusiva
sempre cun quarcòsa da pagà
na scignurin-a che sùttu à cùa
a gh’a ou gàrbu da scignùa.

Una sedia dura
scemo di un tortaio
una farinata che suda
e le manca il sale
tutti succhiatori di lische
dal pappone il giù
se giri la testa
ti vedi il culo
e a star fuori c’è il rischio
che ti tocchi una passione
per una faccia da Madonna
che ti sposta il comò
un amore mai in esclusiva
sempre con qualcosa da pagare
una signorina che sotto la coda
ha il buco da signora.

Uh mègu mègu mègu mè megùn
Uh chin-a chin-a zù da ou caregùn
Uh che belin de ‘n nolu che ti me faièsci fa
Uh ch’a sùn de piggià de l’aia se va a l’uspià.

Uh medico medico medico mio medicone
Uh vieni vieni giù dal seggiolone
Uh che cazzo di contratto mi faresti fare
Uh che a forza di prendere aria si va all’ospedale.

E mi e mi e mi
nu anà nu anà
stà chi stà chi stà chi
durmì durmì
E mi e mi e mi
nu anà nu anà
stà chi stà chi stà chi
asùnàme.

E io e io e io
non andare non andare
stare qui stare qui stare qui
dormire dormire
e io e io e io
non andare non andare
stare qui stare qui stare qui
sognare.

Inoltre la canzone ha visto la collaborazione di Ivano Fossati per il testo.

Ho provveduto a segnalare questo piccolo tesoro alla Fondazione Fabrizio De André. La cosa migliore che potete fare è quella di vedere il video e di segnalarlo ai vostri amici.

Al prossimo venerdì.

Annunci