Sempre più vicino il primo traguardo segnalato a quota 100. Come sempre vi ricordo che la classifica è pubblicata dal mensile Rolling Stones.

61. Whole Lotta Shakin’ Goin On, Jerry Lee Lewis

(Nota personale: canzone che ti strappa dalla sedia! Quando la senti ti devi alzare e cominciare a ballare! E dire che quando ha presentato questa canzone Jerry era stato scartato già innumerevoli volte. Questo fu il suo primo successo, il brano che lo lanciò e che, dopo una esibizione in TV come quella del video, arrivò a vendere ben 6 milioni di dischi!)

62. Bo Diddley, Bo Diddley

(Nota personale: pezzo storico di Diddley che inventò questo nuovo ritmo, questa batteria che “pesta” quel “bump-ba-bump” nel sottofondo che poi sarà riutilizzato negli anni da molti altri come Buddy Holly, the Rolling Stones, mentre alcune sue distorsioni di chitarra sono precorrono i tempi di Hendrix, ad esempio nella sua “Road Runner“, il mitico Bip Bip!)

63. For What It’s Worth, Buffalo Springfield

(Nota personale: Il gruppo durò solo 2 anni, dal 1966 al 1968 e aveva tra i suoi membri Neil Young. Canzone di forte impatto politico, prende le mossa dagli scontri tra la polizia e gli hippies dovuti alla chiusura del Pandora’s Box un club di Hollywood. Spesso, e in modo un po’ erroneo, viene considerata una canzone contro le guerre)

64. She Loves You, The Beatles

(Nota personale: Anche in tedesco la canzone è sempre piacevole! Per un piccolo approfondimento dei Beatles in tedesco vi rimando all’articolo apposito. Sembra che il padre di McCartney suggerì al figlio di cambiare il troppo americano “yeah” con l’inglesissimo “yes”. Risposta del figlio “non capisci, papà. Non funzionerebbe”)

65. Sunshine of Your Love, Cream

(Nota personale: Chitarra inconfondibile quella di Eric Clapton, che era anche voce del gruppo, che ebbe vita breve dal 1966 al 1969 con due reunion nel 1993 e nel 2005. La canzone, registrata alla fine di una sessione che durò tutta una notte divenne uno classico istantaneo)

66. Redemption Song, Bob Marley and the Wailers

(Nota personale: un inno alla libertà in una versione acustica registrata pochi mesi prima della sua morte)

67. Jailhouse Rock, Elvis Presley

(Nota personale: versione colorata di questo grandissimo pezzo di Elvis. Piccola curiosità, alla fine del film “The Blues brothers” i fratelli Blues sono arrestati e in carcere eseguono appunto questo questo “Rock della galera”)

68. Tangled Up in Blue, Bob Dylan

(Nota personale: canzone che a detta dello stesso Dylan ha richiesto due anni di lavoro per essere scritta! In parte è un lavoro sempre aperto. Durante tutta la sua carriera Dylan, che la interpretò per la prima volta nel 1978, tornò più e più volte su questo brano. L’ultima rivisitazione è del 1984)

69. Crying, Roy Orbison

(Nota personale: canzone nata dopo l’incontro con una ex. Il pianto (“crying”) della canzone può essere sia reale che figurato, poco importa, nella voce del cantante è rintracciabile tutto il dolore che si prova quando si incontra una persona che si ha veramente amato. Roy Orbison, classe 1936, era un cantante e chitarrista americano rimase in attività fino alla morte del 1988. Negli anni ’80, ritornò alla ribalta grazie a film di grande successo come “Pretty woman” e “Velluto blu”, in cui compaiono le sue canzoni)

70. Walk On By, Dionne Warwick

(Nota personale: zia di Whitney Houston, deve il suo nome d’arte all’errata trascrizione del suo cognome sulla copertina del primo disco, da Warrick a Warwick. “Walk on by” è stato il suo primo grande successo mondiale. Successo che la porterà negli anni sessanta ad essere ricevuta anche dalla Regina d’Inghilterra. Ha partecipato a due festival di Sanremo nel ’67 e ’68. Dal 2002 è Ambasciatrice di Buona Volontà della FAO)

71. California Girls, The Beach Boys

(Nota personale: questo tipo di canzone solare e allegra è quella a cui pensiamo ogni volta che nominiamo i Beach Boys. E dire che come sound era diversissima da quanto prodotto fino a quel momento. L’inizio musicale della canzone è stato scritto da Brian Wilson la prima volta che provava l’acido come droga. L’uso di droghe e i problemi psichici acutizzati dalla cancellazione del progetto SMiLE che lo vedevano impegnatissimo,  furono motivi che lo allontanarono dalle scene e dalla Band. Con la sua uscita dal gruppo termina un’era dei Beach Boys.)

72. Papa’s Got a Brand New Bag, James Brown

(Nota personale: Il padre del soul! James Brown! Probabilmente il primo disco funk della storia. La canzone inizia con uno stacco di tromba. Fu un’invenzione di James che tagliò l’inizio in modo da dare alla canzone una sensazione di urgenza. Grazie a questa canzone la casa di produzione con cui collaborava si salvò dalla bancarotta!)

73. Summertime Blues, Eddie Cochran

(Nota personale: canzone inizialemnte rilasciata come b-side, quindi una canzone di seconda scelta, che invece scala le classifiche senza problemi e supera in popolarità anche l’A-side del disco (“Love Again”). Cochran è uno degli esponenti del primo rockabilly. Da ricrdare anchje la sua “C’mon Everybody” forse più conosciuta anche di questo pezzo)

74. Superstition, Stevie Wonder

(Nota personale: scritta da Wonder per Jeff BecK, divenne la prima hit di Stevie. Polistrumentista e ragazzo prodigio, suonava il pianoforte a 4 anni, ha significativamente influenzato sia l’R&B sia la pop music con le sue canzoni impegnate socialmente)

75. Whole Lotta Love, Led Zeppelin

(Nota personale: canzone di una band storica pensata come tributo a Willie Dixon e in parte basata sulla sua “You need love”. Non lo citarono mai nei copyright e nel 1985 Dixon li citò in giudizio vincendo la causa.)

76. Strawberry Fields Forever,The Beatles

(Nota personale: canzone che Lennon scrisse, con McCartney,  pensando alla sua giovinezza a Liverpool. Fu la prima canzone ad essere registrata per il mitico “Sgt. Pepper’s Lonely Hearts Club Band” anche se fu rilasciata solo come singolo)

77. Mystery Train, Elvis Presley

(Nota personale: Una canzone d’amore, un blues sfrenato che porta con se tutto l’impeto del treno in corsa, che prima porta via l’amata ma poi la riporta per sempre da Elvis!)

78. I Got You (I Feel Good), James Brown

(Nota personale: Lo stesso anno in cui pubblicò “Papa’s Got a Brand New Bag”, James Brown mise a segno un altro hit con questa canzone: una rilettura velocizzata di un suo pezzo di qualche anno prima. Formidabile e pieno di energia!)

79. Mr. Tambourine Man, The Byrds

(Nota personale: versione elettrificata del brano di Bob Dylan. I Birds raggiunsero il successo grazie a questa cover che contribuì a far conoscere il loro sound particolare: quella chitarra a 12 corde (una Rickenbacker) suonata come fosse un sitar. Sound che si ritrova anche in un altra celebre cover “Turn! Turn! Turn!“. In attività dal 1964 al 1972, hanno pubblicato 19 lavori)

80. I Heard It Through the Grapevine, Marvin Gaye

(Nota personale: canzone famosissima che detiene il record di vendite mondiali per la casa Motown. Si tratta di una rilettura di un brano che originariamente era stato scritto per Gladys Knight. La versione di Gaye è più lenta e l’inizio sembra trasmettere un senso di mistero).

Per oggi ci fermiamo qui.

Al prossimo venerdì.

Sempre più vicino il primo traguardo segnalato a quota 100. Come sempre vi ricordo che la classifica è pubblicata  dal mensile <a href=”http://www.rollingstone.com/news/coverstory/500songs”>Rolling  Stones</a>.

<!–more–>

61. <a href=”http://www.rollingstone.com/news/story/6595906/whole_lotta_shakin_goin_on”&gt; <em>Whole Lotta Shakin’ Goin On</em></a>, <a href=”http://it.wikipedia.org/wiki/Jerry_Lee_Lewis”>Jerry Lee Lewis</a>

(Nota personale: canzone che ti strappa dalla sedia! Quando la senti ti devi alzare e cominciare a ballare! E dire che quando ha presentato questa canzone Jerry era stato scartato già innumerevoli volte. Questo fu il suo primo successo, il brano che lo lanciò e che, dopo una esibizione in TV come quella del video, arrivò a vendere ben 6 milioni di dischi!)

62. <a href=”http://www.rollingstone.com/news/story/6595907/bo_diddley”><em&gt; Bo Diddley</em></a>, <a href=”http://it.wikipedia.org/wiki/Bo_Diddley”>Bo Diddley</a>

(Nota personale: pezzo storico di Diddley che inventò questo nuovo ritmo, questa batteria che “pesta” quel “bump-ba-bump” nel sottofondo che poi sarà riutilizzato negli anni da molti altri come Buddy Holly, the Rolling Stones, mentre alcune sue distorsioni di chitarra sono precorrono i tempi di Hendrix, ad esempio nella sua “<a href=”http://www.youtube.com/watch?v=ap8JtQZG73M”>Road Runner</a>”)

63. <a href=”http://www.rollingstone.com/news/story/6595908/for_what_its_worth”&gt; <em>For What It’s Worth</em></a>, <a href=”http://it.wikipedia.org/wiki/Buffalo_Springfield”>Buffalo Springfield</a>

(Nota personale: Il gruppo durò solo 2 anni, dal 1966 al 1968 e aveva tra i suoi membri <a title=”Neil Young” href=”http://it.wikipedia.org/wiki/Neil_Young”>Neil  Young</a>. Canzone di forte impatto politico, prende le mossa dagli scontri tra la polizia e gli hippies dovuti alla chiusura del Pandora’s Box un club di Hollywood. Spesso, e in modo un po’ erroneo, viene considerata una canzone contro le guerre)

64. <a href=”http://www.rollingstone.com/news/story/6595909/she_loves_you”&gt; <em>She Loves You</em></a>, <a href=”http://it.wikipedia.org/wiki/The_Beatles”>The Beatles</a>

(Nota personale: Anche in tedesco la canzone è sempre piacevole! Per un piccolo approfondimento dei Beatles in tedesco vi rimando <a href=”https://lascoltodelvenerdi.wordpress.com/2010/01/15/die-beatles”>all’articolo apposito</a>. Sembra che il padre di McCartney suggerì al figlio di cambiare il troppo americano “yeah” con l’inglesissimo “yes”. Risposta del figlio “non capisci, papà. Non funzionerebbe”)

65. <a href=”http://www.rollingstone.com/news/story/6595910/sunshine_of_your_love”&gt; <em>Sunshine of Your Love</em></a>, <a href=”http://it.wikipedia.org/wiki/Cream”>Cream</a&gt;

(Nota personale: Chitarra inconfondibile quella di <a title=”Eric Clapton” href=”http://it.wikipedia.org/wiki/Eric_Clapton”>Eric  Clapton</a>, che era anche voce del gruppo, che ebbe vita breve dal 1966 al 1969 con due reunion nel 1993 e nel 2005. La canzone, registrata alla fine di una sessione che durò tutta una notte divenne uno classico istantaneo)

66. <a href=”http://www.rollingstone.com/news/story/6595911/redemption_song”&gt; <em>Redemption Song</em></a>, <a href=”http://it.wikipedia.org/wiki/Bob_Marley_and_the_Wailers”>Bob Marley and the Wailers</a>

(Nota personale: un inno alla libertà in una versione acustica registrata pochi mesi prima della sua morte)

67. <a href=”http://www.rollingstone.com/news/story/6595912/jailhouse_rock”&gt; <em>Jailhouse Rock</em></a>, <a href=”http://it.wikipedia.org/wiki/Elvis_Presley”>Elvis Presley</a>

(Nota personale: versione colorata di questo grandissimo pezzo di Elvis. Piccola curiosità, alla fine del film “The Blues brothers” i fratelli Blues sono arrestati e in carcere eseguono appunto questo questo “Rock della galera”)

68. <a href=”http://www.rollingstone.com/news/story/6595913/tangled_up_in_blue”&gt; <em>Tangled Up in Blue</em></a>, <a href=”http://it.wikipedia.org/wiki/Bob_Dylan”>Bob Dylan</a>

(Nota personale: canzone che a detta dello stesso Dylan ha richiesto due anni di lavoro per essere scritta! In parte è un lavoro sempre aperto. Durante tutta la sua carriera Dylan, che la interpretò per la prima volta nel 1978, tornò più e più volte su questo brano. L’ultima rivisitazione è del 1984)

69. <a href=”http://www.rollingstone.com/news/story/6595914/crying”><em>Crying</em></a&gt;, <a href=”http://it.wikipedia.org/wiki/Roy_Orbison”>Roy Orbison</a>

(Nota personale: canzone nata dopo l’incontro con una ex. Il pianto (“crying”) della canzone può essere sia reale che figurato, poco importa, nella voce del cantante è rintracciabile tutto il dolore che si prova quando si incontra una persona che si ha veramente amato. Roy Orbison, classe 1936, era un cantante e chitarrista americano rimase in attività fino alla morte del 1988. Negli anni ’80, ritornò alla ribalta grazie a film di grande successo come “Pretty woman” e “Velluto blu”, in cui compaiono le sue canzoni)

70. <a href=”http://www.rollingstone.com/news/story/6595915/walk_on_by”><em&gt; Walk On By</em></a>, <a href=”http://it.wikipedia.org/wiki/Dionne_Warwick”>Dionne Warwick</a>

71. <a href=”http://www.rollingstone.com/news/story/6595916/california_girls”&gt; <em>California Girls</em></a>, <a href=”http://it.wikipedia.org/wiki/The_Beach_Boys”>The Beach Boys</a>

72. <a href=”http://www.rollingstone.com/news/story/6595917/papas_got_a_brand_new_bag”&gt; <em>Papa’s Got a Brand New Bag</em></a>, <a href=”http://it.wikipedia.org/wiki/James_Brown”>James Brown</a>

73. <a href=”http://www.rollingstone.com/news/story/6595918/summertime_blues”&gt; <em>Summertime Blues</em></a>, <a href=”http://it.wikipedia.org/wiki/Eddie_Cochran”>Eddie Cochran</a>

74. <a href=”http://www.rollingstone.com/news/story/6595919/superstition”><em&gt; Superstition</em></a>, <a href=”http://it.wikipedia.org/wiki/Stevie_Wonder”>Stevie Wonder</a>

75. <a href=”http://www.rollingstone.com/news/story/6595920/whole_lotta_love”&gt; <em>Whole Lotta Love</em></a>, <a href=”http://it.wikipedia.org/wiki/Led_Zeppelin”>Led Zeppelin</a>

76. <a href=”http://www.rollingstone.com/news/story/6595921/strawberry_fields_forever”&gt; <em>Strawberry Fields Forever</em></a>,<a href=”http://it.wikipedia.org/wiki/The_Beatles”>The Beatles</a>

77. <a href=”http://www.rollingstone.com/news/story/6595922/mystery_train”&gt; <em>Mystery Train</em></a>, <a href=”http://it.wikipedia.org/wiki/Elvis_Presley”>Elvis Presley</a>

78. <a href=”http://www.rollingstone.com/news/story/6595923/i_got_you_i_feel_good”&gt; <em>I Got You (I Feel Good)</em></a>, <a href=”http://it.wikipedia.org/wiki/James_Brown”>James Brown</a>

79. <a href=”http://www.rollingstone.com/news/story/6595924/mr_tambourine_man”&gt; <em>Mr. Tambourine Man</em></a>, <a href=”http://it.wikipedia.org/wiki/The_Byrds”>The Byrds</a>

80. <a href=”http://www.rollingstone.com/news/story/6595925/i_heard_it_through_the_grapevine”&gt; <em>I Heard It Through the Grapevine</em></a>, <a href=”http://it.wikipedia.org/wiki/Marvin_Gaye”>Marvin Gaye</a>