Avete mai pensato che, appoggiato ad una mensola della vostra camera, ci potrebbe essere uno strumento in grado di aprire nuovi orizzonti e far vivere emozioni da mozzare il fiato? E che la chiave per raggiungere tali risultati potrebbe essere la strana scritta che ho messo come titolo di questo articolo?
No?
Nemmeno io, però la scorsa settimana ho avuto modo di cambiare idea, ed oggi ho deciso di raccontarvi il perchè:

E’ venuto a trovarmi il mio nipotino (che cavalca deciso verso i 18 mesi di età), e durante una delle sue corse lungo tutte le stanze della casa si è fermato in camera mia ed ha iniziato ad indicare una mensola.

Sopra la mensola c’era la mia chitarra, quindi ho deciso di prenderla in mano e di fargli sentire qualcosa, non sapendo cosa suonare ho improvvisato un Giro di DO (l’unico che mi ricordo a memoria ;-D) composto dai seguenti accordi: DO LAm REm SOL7 che, come potete leggere qui possono essere espressi utilizzando la notazione inglese come C Am Dm G7.

Forse avete deciso di accusarami di essere stato poco originale, per aver usato un giro di accordi inflazionato, insomma di aver usati: i soliti accordi, ma non siete i soli ci sono anche Enzo Jannacci e Paolo Rossi:

Visto che c’ero ho anche pensato di cantare qualcosa, e la prima cosa che mi è venuta in mente è stato: Il cielo in una stanza di Gino Paoli:

Voi non ci crederete mai, ma nonostante il mio strimpellare incerto e la mia voce stonata, mio nipote è rimasto incantato con gli occhi sbarrati e senza quasi respirare.

Mi s0no reso conto che gli si è aperto un mondo davanti e forse adesso la sua vita è un po più ricca di emozione, e ogni volta che viene a da me, corre nella mia stanza e mi tira per i calzoni indicando la chitarra, finchè non la prendo e gli faccio sentire qualcosa.

Pensate cosa sarebbe successo se anzichè sentire me avesse sentito qualcuno di più in gamba, per esempio: Paco De Lucia Al Di Meola con la loro: Mediterranean Sundance:

Oppure Carlos Santana e Eric Clapton che vediamo insieme in occasione della manifestazione Crossroad guitar festival:

Per non parlare di Mark Knopfler e gli Dire Straits con Sultans of swing:
Come potrete notare Mark suona usando direttamente le dita e senza il plettro, in quello che prende il nome di finger style che mi fa ricordare un’intervista dove ha dichiarato:

“Il finger style è perfetto per quelli come me che perdono sempre il plettro”(GRANDIOSO !!!)

Volendo rimanere nel territorio nazionale, vanno tenuti presenti 2 grandi chitarristi di casa nostra:  Pino Daniele e Alex Britti

Quello che non vi ho detto di mio nipote, è che sono andato a prendergli una piccola chitarrina-giocattolo, con la quale ha cercato di imitare il grande Jimi Hendrix suonando con i denti:

Adesso vi devo lasciare, devo andare ad esercitarmi con la chitarra.

Ciao a tutti.

Roberto

Annunci