Anno 2010. Ognuno di noi avrà diverse cose che gli ricorderanno quest’anno. Tra le mie sicuramente il mio mal di gola che ormai sta diventando cronico!

Già, ormai questa è la quarta volta dall’inizio dell’anno che mi ritrovo nelle stesse condizioni: mal di gola, tosse, voce cavernosa e qualche linea d febbre. La soluzione è sempre la stessa tre giorni di antibiotici che mi buttano a terra.

Durante questi tre giorni vegeto e invidio quei cantanti che riesco ad urlare.

Tra questi I Darkness,  “I believe in a thing called love”

(Nota personale: pare proprio un film di fantascienza di serie B. La coroncina di fiori potevamo evitarla no?)

Scissor Sisters, “I don’t feel like dancin’ ”

o i Queen “We are the champions”

(Nota personale: complimenti all’Inter per il grande risultato conseguito. Prima squadra italiana ad aggiudicarsi scudetto, coppa nazionale e champions. È una cosa che finirà negli annali calcistici)

senza disdegnare gli italianissimi I cugini di campagna, “Anima mia”

(Nota personale: potevo scegliere una canzone diversa? È del 1974, ha un anno più di me…È UN CLASSICO!)

E la lista potrebbe andare avanti pressoché all’infinito. Forse per risollevarmi un po’ è bene se mi ascolto una voce più simile alla mia attuale. Beh, stonature escluse!

Barry White “You Are The First, My Last, My Everything”

(Nota personale: sì mi tratto bene)

Al prossimo venerdì.