Circa un mese fa vi ho “stupiti” con il titolo: “za” stavolta vi stupisco con altre 2 sigle.

Alzi la mano chi conosce il significato dei nomi di dominio: nz e au ….
Nessuno ha alzato la mano! Allora ve lo dico io:

nz è il nome destinato alla Nuova Zelanda, mentre au è quello relativo all’Australia.

Ora prendete queste informazioni e mettetele da parte, vi serviranno dopo.

Ritorniamo in Sudafrica e più in particolare al mondiale di calcio, ormai siamo agli sgoccioli, sono state decise le squadre finaliste: Paesi Bassi (che qualcuno ipropriamente chiama Olanda) e Spagna, e mi sembra doveroso dedicare loro un video a testa.

Per i Paesi Bassi abbiamo l’unica rockstar originaria di tale paese che abbia raggiunto un successo internazionale (almeno che io sappia): la biondissima Anouk con la sua “Nobody’s wife”:

credo proprio che la grinta dell’interprete rispecchi questa squadra che si sta meritando il nome di “Arancia meccanica”, non solo per i colori delle divise da gioco (che per inciso sono quelle che mi piacciono di più dopo quelle azzurre della nostra nazionale ,che questa’anno è stata molto “sbiadita” :-() ma anche per l’aggressività che ha mostrato contro gli avversari (aggiudicandosi tutti gli incontri finora disputati).

Passiamo all’altra finalista, la Spagna, per la quale ho scelto Madonna con “Take a bow”:

Ovviamente in questo caso a rappresentare il paese iberico non è l’interprete del brano (italo statunitense) ma il protagonista del video il torero Emilio Munoz (che non è un attore ma un vero torero). Credo che anche in questo caso il video si adatti bene alla squadra che è riuscita ad avere la meglio sulla Germania, che sembrava decisamente più forte (proprio come il toro, che è molto più forte del torero ma fa sempre una pessima fine).

Per ora direi che con i mondiali di calcio ci possiamo fermare, ovviamente non senza esserci augurati che domenica: “Vinca il migliore”.

Ma cambiando sport, volevo dirvi che nell’emisfero australe la “febbre sportiva” non è destinata a scendere, perchè domani inizia l’importantissimo torneo di rugby delle 3 nazioni che vede impegnate le rappresentative nazionali di:  Australia, Nuova Zelanda e Sufafrica (adesso avete capito il titolo di questo articolo? ;-)), vale a dire le 3 migliori squadre del mondo

Vista l’importanza dell’evento ho deciso di permettervi di vivere uno dei momenti più suggestivi delle partite di rugby, l’esecuzione degli inni nazionali, insieme ai giocatori:

Iniziamo con l’Australia e l’inno: Advance Australia fair

Australians all let us rejoice
for we are young and free
We’ve golden soil and wealth
for toil our home is girt by sea
Our land abounds in nature’s gifts
of beauty rich and rare
In history’s page let every stage
advance Australia fair
In joyful strains then let us sing
advance Australia fair
Beneath our radiant southern cross
we’ll toil with hearts and hands
To make this common wealth of ours
renowned of all the lands
For those who’ve come across the seas
we’ve boundless plains to share
With courage let us combine
to advance Australia fair
In joyful strains then let us sing
advance Australia fair
advance Australia fair

Continuiamo con il Sudafrica attuale detentrice del titolo di campione del mondo, ed ascoltiamo: Nkosi Sikelel’ iAfrika/Die Stem van Suid-Afrika (Dio protegga l’africa/Il richiamo del Sudafrica)

[Lingua: xhosa e zulu]

Nkosi sikelel’ iAfrika
Maluphakanyisw’ uphondo lwayo,
Yizwa imithandazo yethu,
Nkosi sikelela, thina lusapho lwayo.

[Lingua: sesoto]
Morena boloka setjhaba sa heso,
O fedise dintwa le matshwenyeho,
O se boloke, O se boloke setjhaba sa heso,
Setjhaba sa South Afrika – South Afrika.

[Lingua: afrikaans]
da Die Stem:
Uit die blou van onse hemel,
Uit die diepte van ons see,
Oor ons ewige gebergtes,
Waar die kranse antwoord gee,

[Lingua: inglese]

Sounds the call to come together,
And united we shall stand,
Let us live and strive for freedom,
In South Africa our land.

Terminiamo con la Nuova Zelanda e le note di God defend New Zealand:

God of nations at Thy feet,
In the bonds of love we meet,
Hear our voices, we entreat,
God defend our free land.

Guard Pacific’s triple star,
From the shafts of strife and war,
Make her praises heard afar,
God defend New Zealand.

Men of ev’ry creed and race,
Gather here before Thy face,
Asking Thee to bless this place,
God defend our free land.

From dissension, envy, hate,
And corruption guard our State,
Make our country good and great,
God defend New Zealand.

Peace, not war, shall be our boast
But, should foes assail our coast,
Make us then a mighty host,
God defend our free land.

Lord of battles, in Thy might,
Put our enemies to flight,
Let our cause be just and right,
God defend New Zealand.

Let our love for Thee increase,
May Thy blessings never cease,
Give us plenty, give us peace,
God defend our free land.

From dishonour and from shame,
Guard our country’s spotless name,
Crown her with immortal fame,
God defend New Zealand.

May our mountains ever be,
Freedom’s ramparts on the sea,
Make us faithful unto thee,
God defend our free land.

Guide her in the nations’ van,
Preaching love and truth to man,
Working out Thy Glorious plan,
God defend New Zealand.

In questo caso oltre all’inno avete potuto apprezzare anche la haka, la tradizionale danza maori che i giocatori della Nuova Zelanda fanno prima di ogni partita.

A questo punto vi devo salutare, vado ad allenarmi a fare le linguacce, così se mi dovessero convocare nella nazionale di rugby neozelandese, sarei pronto a fare la haka come si deve.

Ciao a tutti.

Roberto