Ormai è consolidata la politica che piccoli passi: e noi a forza di 10 posizioni arriveremo alla fine di questa mega classifica della rivista Rolling Stone.

341. The Harder They Come, Jimmy Cliff, 1972

(Nota personale: scritta e cantata da Cliff per il film omonimo in cui recita pure lui. In buona sostanza è una canzone di ribellione, lo testimonia il testo “The harder they come, the harder they fall”; tradotto liberamente “più grossi sono, più rumore fanno quando cadono”)

342. Runaround Sue, Dion, 1961

(Nota personale: canzone dedicata ad un tipo di ragazza particolare: quella che si diverte a farsi corteggiare, a farti credere che…ma appena esprimi i tuoi sentimenti e vede che le cose si fanno serie, ti molla e scappa. Non deve essere una storia molto rara visto il primo posto che arrivò a toccare in classifica!)

343. Jim Dandy, Lavern Baker,

(Nota personale: voce poderosa per una canzone che ha contribuito a creare il rock & roll come lo conosciamo oggi. La storia narrata dalla canzone è quella di Jim Dandy che si lancia in improbabili salvataggi di gentili donzelle in “pericolo”. La cosa deve avergli portato bene visto che l’anno successivo Lavern incise una canzone in cui Jim si sposa.)

344. Piece of My Heart, Big Brother and the Holding Company, 1968

(Nota personale: la voce e la forza è quella di Janis Joplin; infatti cantava in questo gruppo prima di iniziare la sua carriera da solista. Originariamente la canzone era stata cantata da Erma Franklin, sorella della più famosa Aretha.)

345. La Bamba, Ritchie Valens, 1959

(Nota personale: Tragicamente è la canzone più famosa di Valens: tragicamente perché morì in un incidente aereo nel 1959 e la canzone fu pubblicata postuma. Il pezzo è una rivisitazione di una canzone tradizionale Messicana. Nello stesso incidente in cui morì, persero la vita anche Buddy Holly e The Big Bopper. La notizia scosse così tanto l’opinione pubblica che il giorno dell’incidente viene da certi definito “il giorno in cui la musica morì“)

346. California Love, Dr. Dre and 2Pac, 1996

(Nota personale: sette mesi prima di essere ucciso, 2Pac disse al mensile Rolling Stone che non voleva che la canzone fosse sulla violenza, ma sui soldi. Il video, che richiama un po’ le atmosfere di Mad Max e di altre saghe post-atomiche, è tra i 100 migliori video rap di sempre dall’MTV Francese)

347. Candle in the Wind, Elton John, 1973

(Nota personale: scritta come tributo a Marilyn Monroe, venne poi riciclata da Elton per il funerale di Lady Diana. Personalmente questa è una cosa che non ho mai gradito molto anche se sembra che la principessa amasse molto questa canzone.)

348. That Lady (Part 1 and 2), The Isley Brothers, 1973

(Nota personale: versione rivista e aggiornata di un pezzo del 1964 sempre dei Isley Brothers. La canzone fu ispirata dal trio soul The Impressions di cui gli Isley erano fans.)

349. Spanish Harlem, Ben E. King, 1960

(Nota personale: Se siete dei lettori di Forsyth, avrete sentito nominare questa canzone in un suo libro. Si tratta del primo single rilasciato da King come solista.)

350. The Locomotion, Little Eva, 1962

(Nota personale: canzone famosissima, visto che è stata usata in film e pubblicità di ogni genere. La cantante era la babysitter dei compositori: gli chiesero di cantare la canzone come demo da far sentire al produttore per ingaggiare Dee Dee Sharp. Questi decise che la canzone doveva cantarla lei.)

Al prossimo venerdì.