Vi è mai capitato che il significato di un nome dipenda dalla lingua nella quale viene pronunciato?



No?!?!?
Ne siete sicuri?!?!?

Se vi dico America’s cup a cosa credete mi riferisca?

Ovviamente al più importante e antico trofeo velico del mondo, la cui ultima edizione risale all’anno scorso, quando nelle acque di Valencia l’equipaggio dell’imbarcazione sfidante statunitense Oracle BMW Racing ha avuto la meglio su quello della detentrice Alinghi.

Oracle BMW Racing:

Alinghi:

Personalmente, pur non essendo un esperto, amo molto queste splendide barche a vela (che ormai assomigliano sempre di più a delle astronavi!;-)), e mi ricordo con nostalgia i vecchi tempi nei quali la competizione ha visto partecipare anche degli equipaggi italiani:

1983-1987 Azzurra

sponsorizzata dall’Aga Khan e Gianni Agnelli

(Spot della birra partner dell’avventura di Azzura nell’America’s Cup)

1992 Il Moro di Venezia

La creatura di Raul Gardini, prima imbarcazione italiana riuscita ad arrivare in finale, che se volete potete portarvi a casa per poco più di un milione di euro

(Atmosfere veneziane con i Rondò Veneziano e la loro: San Marco)

2000-2007 Luna Rossa

Sponsorizzata dalla stilista Milanese Miuccia Prada, anch’essa qualificatasi alla finale nel 2000


(Il brano che ha dato il nome alla barca: Luna Rossa di Vincenzo De Crescenzo interpretata da Renzo Arbore e la sua Orchestra Italiana)

Quindi quando si parla di Coppa America in inglese, ci si riferisce alla vela.

E cosa succede se traduciamo il nome in spagnolo? trasformandolo in: Copa América

In questo caso si passa dal profumo dell’acqua salata dei campi di regata a quello di erba appena tagliata dei campi da calcio, perchè si parla del campionato di calcio per rappresentative nazionali del Sudamerica, il corrispettivo del nostro campionato europeo.

Quest’anno si è tenuta la quarantatreesima edizione della competizione in Argentina, la finale si è svolta domenica scorsa a Buenos Aires, e contro tutti i pronostici, i vincitori non hanno festeggiato ballando la Samba

(Carlos Santana Samba Pa Ti)
Perchè la Selecao brasiliana è uscita agli ottavi di finale, perdendo INCREDIBILMENTE per 2-0 ai rigori (SBAGLIANDO TUTTI I CALCI DI RIGORE!), contro la rappresentativa paraguaiana.

Ma non si è ballato nemmeno il Tango argentino, perchè sempre agli ottavi di finale anche Lionel Messi e compagni sono stati sconfitti 4-5 ai calci di rigore contro l’Uruguay.

(My confesion un mix di Tango argentino e musica moderna, il pane quotidiano dei Gotan Project)

Ma allora cosa diavolo avranno mai ballato i vincitori?

Non lo so, ma siccome la squadra che si è aggiudicata il trofeo battendo con un secco 3-0 il Paraguay è l’Uruguay soprannominata: “La celeste” (dovete leggerlo alla spagnola con la “C” che assomiglia ad una “S”) per il colore della maglia, forse i Campioni del Sudamerica avranno cantato: Così celeste di Zucchero:

Ok i compiti di inglese e spagnolo li ho fatti adesso vado … a giocare a pallone … oppure a fare un giro in barca a vela.

Noi comunque ci rivediamo Venerdì prossimo.

Ciao a tutti.

Roberto.