Si tratta di un momento che arriva: il cambio del cellulare è sempre un trauma.

Nonostante il lavoro che faccio, consulente informatico, il mio rapporto col cellulare è sempre stato piuttosto neutro: è quel coso che mi permette di telefonare, mandare messaggi… e purtroppo permette agli altri di rompermi… cioè di rintracciarmi in ogni momento della giornata.

Che telefonino ho adesso? Un vecchio e glorioso Palm modello Treo 650 che mi ha servito senza perdere un colpo per gli ultimi…ehm…7-8 anni!!!

Insomma giro con un vecchiume che al tempo era tra i primi a presentare una tastiera completa, uno schermo touch e una fotocamera. Non male no?

Naturalmente supportava anche gli MP3: e infatti per prova ne ho avevo scambiata qualcuna via bluetooth. Più precisamente

le Bangles, con una allegra e modaiola “Manic Monday”

i Depeche Mode, con la criticatissima “Personal Jesus”

Orchestral Manoeuvres in the Dark con “Enola Gay”, un inno contro le armi atomiche

e Falco con la sua “Der kommisar”

Perché cambiare il vecchio “ferro”? Ormai è scheggiato, il tochscreen non funziona più, e ha preso la brutta abitudine di spegnersi mentre sto facendo o ricevendo una chiamata.

Beh, quest’ultimo punto potrebbe anche essere una cosa positiva, ma se, mettiamo caso si tratta di una situazione come la seguente?

(Nota personale: Sì sono Village People con la loro “Sex over the phone”)

Insomma, mi seccherebbe che il mio cellulare svanisse con una nuvola di fumo come quelle del video!

Al prossimo venerdì!