Il “passaggio di consegne” è la: trasmissione degli atti riguardanti il lavoro da svolgere a chi subentra in un incarico.

Questo secondo il dizionario del Corriere.

Non serve certo un genio per capire che il momento che stiamo vivendo è un momento strano, pieno di contraddizioni, di insidie, di momenti non belli e di un futuro che non sembra per nulla roseo.

In questo momento siamo vittime di un passaggio di consegne che è avvenuto sotto i nostri occhi senza che noi facessimo nulla o quasi: il trattato di Lisbona.

Con questo trattato, l’Italia (e non solo…) ha ceduto all’Europa la sua sovranità, noi abitiamo in un Paese a sovranità limitata, non mi dilungo su questo, se avete tempo e pazienza, provate a seguire per intero il seguente video che spiega in dettaglio queste cose:

Questo era un passaggio di consegne che i nostri politici dovevano gestire meglio: ma che forse non potevano gestire meglio per incompetenza o per collusione con lobbies.

“Maiali”, PIGS, così ci chiamano i Paesi del Nord Europa mettendo assieme le iniziali dei nostri Paesi: Portogallo, Italia, Grecia, Spagna. Maiali da sfruttare e poi quando serve macellare: perché del maiale non si butta via nulla.

Ma la cosa più triste di tutto questo, non è la situazione attuale, ma il futuro che aspetta, non tanto noi, quanto i nostri figli; perché, penso, i nostri figli saranno ancora più poveri di noi.
Nessuno di noi potrà comportarsi come Adriano Celentano nella canzone “Conto su di te”

Al prossimo venerdì.