7 e 8 luglio 2012


Lo scorso fine settimana eravate quasi tutti al mare, con il sederino in acqua oppure in bella esposizione sotto il sole.

Ma qualcun’altro non è andato al mare, bensì a Serravalle Pistoiese:

Potete trovare un resoconto sull’incontro CamussoSquinzi in questo articolo del Corriere on line:
http://www.corriere.it/economia/12_luglio_07/squinzi-camusso-governo-monti_0cbb5216-c856-11e1-9d90-c5d49ff3a387.shtml

Un’altra “strana coppia” si è riunita lo scorso week-end presso una più “esotica” Aix En Provence, si tratta del nostro Premier-Professore-Cyborg Mario Monti e la Cancelliera-Iron lady del terzo millenio Angela Merkel.

Non so se l’incontro presso la località francese abbia previsto anche una cena di gala, ma credo di si, in ogni caso il menù avrà sicuramente previsto, come primo piatto, questo:

“Silenzio! Parla Agnesi

Oppure Monti

Ma non Camusso o Suinzi”

Altrimenti “LO SPREAD SI IMPENNA.

Credo che dopo la cena di gala, alcuni degli invitati, sicuramente Monti e la Merkel, abbiano inscenato una seduta spiritica.
Mi risulta che Il nostro Presidente del Condiglio, abbia rievocato Robert Louis Stevenson mettendo in scena alcune scene dal Romanzo: Lo strano caso del dottor Jekyll e del signor Hyde.

Ve ne propongo un’estratto:

dottor Jeckyll (dal discorso di insediamento del Presidente Monti del 17 novembre 2011): “Ed io ho inteso fin dal primo momento il mio servizio allo Stato non certo con la supponenza di chi, considerato tecnico, venga per dimostrare un’asserita superiorità della tecnica rispetto alla politica. Al contrario, spero che il mio Governo ed io potremo, nel periodo che ci è messo a disposizione, contribuire in modo rispettoso e con umiltà a riconciliare maggiormente – permettetemi di usare questa espressione – i cittadini e le istituzioni, i cittadini alla politica”

Signor Hyde (affermazioni montiane dal resoconto del vertice di Aix-En-Provence del 8 luglio 2012): “[Gli spread non scendono perchè ndt] nel caso dell’Italia c’è anche un pò di incertezza su quello che succederà nella governance dell’economia o detto altrimenti nella politica italiana dopo le elezioni
[…]
Spero che l’Italia riesca a dimostrare presto con le riforme politico istituzionali che il ritorno al normale processo elettorale sarà pienamente compatibile con la continuità delle politiche che l’Europa sta apprezzando

(A novembre 2011 non asseriva una superiorità della tecnica sulla politica, a luglio 2012 “scopre” e “spera” che ai mercati e all’Europa possano piacere i vincitori delle prossime elezioni, altrimenti la crisi continuerà)

dottor Jeckyll: “[…]
Per raggiungere questo obiettivo [riduzione del rapporto debito/pil ndt] intendiamo far leva su tre pilastri: rigore di bilancio, crescita ed equità.
[…]
Ciò che occorre fare per ricominciare a crescere è noto da tempo. Gli studi dei migliori centri di ricerca italiani avevano individuato le misure necessarie molto prima che esse venissero recepite nei documenti che in questi mesi abbiamo ricevuto dalle istituzioni europee. Non c’è nessuna originalità europea nell’aver individuato ciò che l’Italia deve fare per crescere di più. È un problema del sistema italiano riuscire a decidere e poi ad attuare quanto noi italiani sapevamo bene fosse necessario per la nostra crescita
[…]
Per questo il programma che vi sottopongo oggi si compone di due parti,
[…]
Da un lato, vi è una serie di provvedimenti per affrontare l’emergenza, assicurare la sostenibilità della finanza pubblica, restituire fiducia nelle capacità del nostro Paese di reagire e sostenere una crescita duratura ed equilibrata
[…]

Signor Hyde:“[…]
Invito a considerare che dichiarazioni di questo tipo da parte di personalità istituzionali ritenute responsabili hanno [come congiuntivo non era più corretto abbiano? ndt] effetti molto rilevanti nei mercati e quindi suggerirei di fare più attenzione, non tanto nei riguardi del governo, che evidentemente non lo merita a giudicare da ciò che viene detto, ma verso le imprese
[…]
L’aumento degli spread dopo il vertice Ue è dovuto anche a dichiarazioni, che considero inappropriate, di autorità di Paesi del Nord che hanno avuto l’effetto di ridurre la credibilità delle decisioni prese dal Consiglio Ue.
[…]

(A novembre 2011 le leve per risolvere la crisi erano: rigore di bilancio, crescita, equità. I problemi del paese erano ben noti ed il prgramma di governo consisteva di una serie di provvedimenti per affrontare l’emergenza e restituire la fiducia nelle nostre capacità. Domenica scorsa le affermazioni di Camusso-Squinzi e quelle dei leader “Vichinghi” ci screditano e fanno aumentare lo spread, cioè la crisi)

Equipe 84 – La domenica di Mr. Hyde

Una volta completata l’evocazione di Robert Louis Stevenson, la Cancelliera tedesca ha proceduto alla propria di evocazione affermando che:

[…]
L’unione europea economia e politica concepita 20 anni fa non è sufficientemente forte. Dobbiamo completarla a livello politico
[…]

Ed anche in questo caso l’evocazione è riuscita:

Bene, ora vi lascio, vado al mare … oppure ad una seduta spiritica … comunque in silezio.

A venerdì prossimo.

Ciao a tutti.

Roberto.