… e così siamo arrivati all’ultimo venerdì di quest’anno.

Certo che ne sono successe di cose…

Se dovessi descrivere con una parola questo 2012, la prima che mi viene in mente è PAURA.

Questo doveva essere l’ultimo anno. Il mondo doveva finire. Per tutti e 366 giorni dell’anno, il 2012 è bisestile!, siamo stati più o meno accompagnati dai Maya e dalla loro profezia, anche se il 21 dicembre s’è dimesso il nostro governo.

Siamo stati sfiorati da due asteroidi Eros a Gennaio e Toutatis a Dicembre, eppure non è successo nulla. Cataclismi ce ne sono stati:  il terremoto che ha colpito l’Emilia-Romagna, l’uragano Sandy,  ma sono cose completamente slegate tra di loro che non hanno riscontri “astrali” di nessun tipo

Se dovessi descrivere il 2012 come ricorrenze, direi che è stato l’anno dei 50-esimi.

Abbiamo festeggiato il 50-esimo dei Beatles

che sono un gruppo capace anche di canzoncine come questa “Obladi Oblada”

c’è stato il 50-esimo dei loro rivali, i Rolling Stones

un altro gruppetto, più rocchettaro rispetto agli “scarafaggi”, è stato anche il 50-esimo di 007 che l’ha festeggiato con un grande film

e brava anche ad Adele.

Ah, abbiamo festeggiato anche il 60-esimo della regina:

Se dovessi descrivere il 2012 musicale, mi metterei un po’ a piangere perché è stato l’anno del Pulcino Pio, ma soprattutto del Gangnam Style

Ballo talmente famoso che lo stesso Bruce Springsteen ne fa qualche passo dopo che una ragazza è riuscita a invadere il palco su cui si esibiva

E voi per cosa ricordate questo 2012?

 

Io chiudo qui, i panettoni e i cenoni di questi giorni si fanno sentire.

Al prossimo anno e al prossimo venerdì.