Sanremo 1992, AeroplanitalianiZitti zitti (il silenzio è d’oro)

Il brano che vi ho proposto, in diretta dal palcoscenico dell’Ariston del 1992 mi sembra quantomeno “profetico”, soprattutto quando recita:

[…]
la crisi, la crisi, la crisi, la crisi,
parole parole che sono rumore
parole parole che sono rumore, rumore…
Silenzio.
[…]

E poi ben 15 secondi di SILENZIO.

Un BENEDETTO SILENZIO, del quale avevamo bisogno 21 anni fa, e del quale abbiamo tanto bisogno anche oggi.

Dovrebbero rimanere in silenzio i Mercati finanziari, lo spread, gli interessi sul debito, i piani di salvataggio dei paesi in difficolta che hanno trasformato la Grecia in un paese in emergenza umanitaria

Dovrebbero stare zitti tutti i politici che dall’inizio di questa infame campagna elettorale non fanno altro che: parlare, promettere, giudicare, ma soprattutto MENTIRE!

Dovrebbero stare zitti per sempre gli eurotecnocrati di Bruxelles che parlano solo a favore degli interessi delle grandi banche e delle multinazionali.

Dovrebbero stare zitti in molti.

Ma ritorniamo un attimo sui nostri passi, da dove eravamo partiti, cioè dal Festval di Sanremo dove la band di Alessio Bertallot ha stupito tutti con 15 secondi di silenzio in mezzo al brano, inducendo una parte del pubblico a credere che l’esecuzione fosse terminata ed applaudire (Elio e le storie tese non si sono inventati nulla!!!!).

L’edizione di quest’anno ha relegato nel silenzio alcuni brani, infatti la grande novità di quest’anno, oltre all’assenza delle “vallette con le farfalline”, è stata rappresentata dal fatto che gli artisti dovevano proporre non uno, ma due brani, ed il pubblico pagando con il televoto doveva scegliere quale dei 2 avrebbe continuato la kermesse, affidando il secondo all’oblio.

A questo proposito, ho deciso di proporvi una mia personale edizione del festival di Sanremo 2013, fatta con i brani di scarto degli artisti che mi sono piaciuti di più, vi prego di votare numerosi e farmi pervenire 1 euro per ogni voto espresso:

Raphael GualazziSenza Ritegno

Televoto n. 1

Max GazzèI tuoi maledettissimi impegni

Televoto n. 2

Simone CristicchiMi manchi

Televoto n. 3

Daniele Silvestri – Il bisogno di te(ricatto d’onor)

Televoto n. 4

Malica AyaneNiente

Televoto n. 5

Mi raccomando: votate, votate, votate! ma soprattutto: PAGATE PAGATE PAGATE!

Ora in attesa di diventare milionario grazie ai vostri televoti, vado a comperarmi un molletta per turarmi il naso per andare a votare domenica.

A Venerdì prossimo.

Ciao a tutti.

Roberto