Finalmente è venerdì.

La settimana, pesante, fin troppo, sta arrivando al termine e questo week end potrò andare ad una fiera del fumetto!

Ma ogni tanto, quando le cose vanno male, succede un incidente di percorso che ti fa fare un bell’incontro, uno di quelli che se non ti cambia la vita, almeno te la rende un po’ più sopportabile. Anche solo per un po’.

E questa settimana questo lo devo a Paolo Conte e al suo ultimo single: “Tropical”

 

La canzone è sempre la solita grande canzone alla Paolo Conte: due note e sei in un altro posto e in un altro tempo.

Mentre il video è semplicemente: WOW!

Il cantante che fa il “negro”, così si diceva negli anni ’50, il ragazzino che nuove i piedi come lo stiamo facendo noi seguendo il ritmo, la bella signora matura, e le parole del testo che compaiono quasi magicamente sui bicchierini da balera di periferia, sulle locandine che ricordano i film del secondo dopo guerra e sulle copertine dei settimanali, che in quel formato ormai non escono più.

Il tutto trasmette una sensazione di calore, una fine estate “virtual” per trovarsi a guardare l’ultimo nastro che ci parla d’America: i grandi dancing, le grandi orchestre che suonano quelle musiche che da noi erano proibite sotto il regime.

Il prossimo acquisto musicale sarà, naturalmente, il nuovo album di Paolo conte.

Al prossimo venerdì.