auguri Shoah

Già.

Era il 27 gennaio del 1945 quando il campo di concentramento di Auschwitz, fu conquistato e i prigionieri al suo interno furono liberati.

La shoah, la grande catastrofe, l’olocausto fu rivelato al mondo.

Un numero umanamente non sostenibile di 5 o 6 milioni di morti fu rivelato: ma mai come adesso, mi sembra, che la shoah goda di ottima salute.

Oggi i “nuovi indesiderabili” siamo noi tutti costretti a sottostare a politiche finanziarie che potenzialmente possono uccidere milioni di persone.

I “nuovi indesiderabili” siamo noi che ci guardiamo attorno e viviamo nella paura che il nostro vicino possa farsi saltare in aria.

Sono passati 70 anni, ma mai come ora, i pericoli e le paure che hanno portato alcuni a credere in certe idee mi sembrano forti anche se rimodernate e annacquate nel politically correct di facciata.

Francesco Guccini con i Modena City Ramblers

 

 

La Shoah non ci ha (forse) insegnato nulla, oppure siamo noi che abbiamo imparato troppo bene a scordare; e il Giorno della memoria ci secca un po’ perché in TV ci sono solo film tristi.

Al prossimo venerdì.