Certe volte capita di ascoltare una canzone e di farci sopra alcuni pensieri.

Il pezzo in questione è di Caparezza, “Goodbye Malinconia”

 

Pezzo, come sempre, orecchiabile, che le abilità da trapezista della parola del Capa trasformano in un piccolo gioiello… sì, c’è anche Tony Hadley degli Spandau Ballet.

Qual è la riflessione che mi ha suscitato questo pezzo: un parallelo!

Quel sentire che tutti se ne vanno, la fuga di cervelli, il vedere lavori che non vengono più seguiti da nessuno, mi ha riportato alla mente questo video:

[https://www.youtube.com/watch?v=mhL1sttL5Dw]

 

Già! Noi che andiamo o siamo disposti a trasferirci all’estero, che diciamo addio alla malinconia, che (giustamente!) vogliamo un futuro migliore siamo la parte migliore del Paese che se ne va. Siamo quelli che potrebbero fare la differenza… ma alla fine ci arrendiamo, ci riconosciamo sconfitti e abbandoniamo il campo andandocene come nel finale di una puntata de “L’incredibile Hulk

 

(Nota personale: sì, ha un titolo! Questa canzone tristissima si chiama “The lonely man theme”, “Il tema dell’uomo solo”)

Al prossimo venerdì.