Se abitaste dalle parti di Venezia, negli ultimi giorni avreste registrano un’impennata nelle vendite del locale quotidiano.

Per giorni le prime pagine erano piene di “informazioni” riguardanti un parroco che è sparito nel nulla, secondo i giornali, mentre è in ferie secondo la curia.

Per tutto questo tempo, la gente ha letto, riso, sorriso, commentato e perlopiù sparlato.

 

Di recente, alcuni nostri connazionali italiani, si sono rifiutati di far entrare nel loro paese alcuni stranieri. Poi si sono accorti che erano delle madri incinta. Ma comunque non sono entrate.

Qualche politico ha detto che quella “Non è Italia”… quando per anni hanno coltivato l’odio verso l’altro, facendo “straniero” chi non era del loro schieramento. La gente ha letto la notizia, chi si è schierato di qua, chi di là, chi ha detto bravi, chi continua a coltiva l’odio.

 

 

E intanto la terra trema. Ma su questo, oltre a dare la colpa all’uomo e all’incompetenza dei sismologi, la gente ha poco altro da dire. Forse per stanchezza.

 

Al prossimo venerdì.