I ricordi contribuiscono a renderti quello che sei.

Di recente, durante una delle mie immersioni nel mondo di YouTube, mi sono imbattuto in una serie di video che parlano dell’effetto Mandela.

Nella mia ingenuità credevo che si riferisse a tutto quello che di buono ha fatto Nelson Mandela nella sua vita, Simple Minds “Mandela Day”

 

Invece mi trovo a seguire la storia di alcune persone che ricordano distintamente che Mandela è morto in carcere, ne ricordano il funerale, le rivolte in città e i servizi dei telegiornali.

C’è una spiegazione logica a tutto questo? Cos’è che porta le persone ad avere dei ricordi così esatti di eventi mai successi?

Le risposte sono essenzialmente 3 e tutte girano attorno alla fisica quantistica.

Una possibile motivazione è che queste persone, per un motivo ancora sconosciuto, abbiano vissuto per un breve periodo in un universo parallelo. Cioè una realtà in cui gli eventi sono andati in modo diverso. Un po’ come succedeva in “Sliding Doors“, Aqua “Turn back time”

 

Le altre 2 spiegazioni ruotano attorno a due delle più grandi avventure scientifiche degli ultimi anni e al fatto che non le conosciamo al 100%.

La prima è l’acceleratore del CERN il LHC il “Grande Collisore di Adroni” già sotto l’occhio di molti perché poteva creare un buco nero e distruggere la terra.

In realtà non ha creato nessun buco nero, ma ha dato agli scienziati un modo per modificare la storia o turbare la nostra realtà mettendola in contatto con altre realtà alternative.

 

Avete visto tutto il video? A parte tutti i vari scienziati che fanno i matti, ad un certo punto c’è uno che mostra due cartelli e in uno c’è chiaramente scritto Mandela!

L’ultima spiegazione è dovuta al nuovo computer quantistico D-Wave di Google. In questo caso, sarebbero degli errori di programmazione, dei bug, che cambiano i nostri ricordi per colpa dell’entanglement quantistico.

Non credete a tutti quello che avete letto qui sopra? Bene, allora piccolo test per voi.

Come finisce la famosa canzone dei Queen “We are the Champions”? Con “of the world”?

 

Ben venuti in un mondo cambiato dal Mandela Effect!

Al prossimo venerdì.

Annunci