Nel tragitto lavoro-casa e casa-lavoro, saltuariamente con qualche deviazione in un bar per uno spritz, ascolto la radio.

Non sono una persona che ascolta sempre la stessa radio, ho una serie di stazioni registrate e faccio zapping tra queste passando da un discorso politico ad una notizia sportiva all’ultimo successo di Young Signorino…

Comunque questa volta siete stati fortunati, perché sono incappato in una cover di questo brano:

 

“Time after time” di Cyndi Lauper.

Grande pezzo, di una delle signore della musica pop degli anni ’80 e ’90 e, se non fosse arrivato quel ciclone di Madonna capace di conciliare musica e provocazioni, oggi Cyndi sarebbe considerata come la regina della pop.

Ma la cosa che mi ha sorpreso di più della cover era chi la suonava.

Miles Davis, “Time after time”

 

Una cover a cui la tromba di Miles regala quelle sfumature di “maggiore età”, di vissuto, che la versione originale sembra sfumare troppo.

Una cover fatta da un grande musicista come omaggio ad una grande interprete.

Al prossimo venerdì.

 

Annunci